La nuova frontiera delle criptovalute

Criptovalute: cosa sono? Scopriamolo insieme

Sempre più spesso si sente parlare di criptovalute, BitCoin e Litecoin. Ma, concretamente, a cosa ci stiamo riferendo? Le critpovalute sono delle valute di tipo digitale che utilizzano il sistema della crittografia per tenere al sicuro ogni transazione. Non essendo controllate da alcun ente di gestione e di sorveglianza, esse si sono diffuse in modo rapido, aumentandone il successo. Utilizzate sia come moneta di scambio e pagamento per gli acquisti online sia come asset su cui investire grazie al trading, le criptovalute costituiscono un mercato in ascesa inarrestabile.

Ma qual’è la differenza con le valute nazionali? Innanzitutto, esse si trovano all’interno di un sistema decentralizzato: in poche parole, dunque, per le criptovalute non esiste una banca alle spalle incaricata di stampare moneta corrente e di tenere sotto controllo il suo flusso. In secondo luogo, esse garantiscono un livello di anonimato molto alto, motivo per cui sono apprezzate da un numero sempre crescente di utenti. Un dato per nulla trascurabile è il vantaggio di non dover girare con moneta cartacea contante: pur avendo un valore proprio e potendo essere utilizzate per acquisti online e all’interno di veri e propri negozi fisici, tutte le transazioni delle criptovalute avvengono online, velocizzando tempi e abbattendo i costi. 

La nuova frontiera delle criptovalute: analisi del successo

Investire in criptovaluta è la nuova frontiera del trading. Ma come evitare truffe e rischi? Preliminarmente, occorre operare solo con piattaforme sicure e autorizzate quali eToro e 24option. Semplici, facili da utilizzare e particolarmente intuitive, queste piattaforme sono sottoposte a controlli frequenti da parte delle autorità finanziarie abilitate e, pertanto, sono a prova di hackeraggio.

Per capire concretamente come funzionano le criptovalute possiamo prendere a modello quella più famosa in assoluto: BitCoin. Nata nel 2009 dall’estro di Satoshi Nakamoto, la criptovaluta nota con il nome di BitCoin è interamente basata sul protocollo Proof of Work, è completamente decentralizzata e non è in alcun modo soggetta ai circuiti bancari. Inoltre, essendo di stampo completamente digitale, la sicurezza della criptovaluta è interamente garantita da un complesso sistema crittografico che impedisce attacchi non autorizzati e tentativi di phishing. E questo è un ottimo vantaggio per chi ama acquistare online e preferisce giocare con il trading online.

Guadagnare con la criptovaluta? Si può fare

Grazie all’enorme potenziale connesso alla monetizzazione, le criptovalute iniziano a essere acquistate anche da chi non è proprio esperto in materia. Uscite ormai dal dark web, infatti, oggi le criptovalute possono essere acquistate e scambiate sulle principali piattaforme online che garantiscono affidabilità e sicurezza a tutti gli utenti. Oltre alle citate eToro e 24option, troviamo anche Plus500, una piattaforma regolamentata e registrata presso la CONSOB, particolarmente indicata ai neofiti ma anche a chi ha una certa dimestichezza con il trading finanziario.

Grazie a crypto trader Plus500, infatti, è possibile investire in bitcoin ma fare anche trading in litecoin, criptovalute e materie prime. Ma come monetizzare con le criptovalute? Semplice: facendo previsioni a breve e a lungo termine. In che modo? Se si pensa che il valore della critpovaluta possa salire, allora via libera all’acquisto di bitcoin e litecoin; al contrario, se non si vuole rischiare troppo, basta utilizzare una delle tante piattaforme presenti sul mercato e tentare il guadagno indipendentemente da un eventuale rialzo o ribasso. Dunque, perché non provarci?

POST CORRELATI
Migliori Azioni di titoli stranieri

Consigli per investire in borsa

Consigli per investire in borsa

Se per anni investire in Borsa è stata un’attività per pochi, oggi, grazie alle modalità di accesso telematico, è diventato più economico ed accessibile anche ai piccoli investitori. Ecco alcuni suggerimenti su come investire in Borsa.

Cosa significa investire in Borsa

Quanti desiderano scoprire come investire in Borsa devono innanzitutto sapere che cos’è la Borsa. La Borsa è un mercato finanziario adibito allo scambio di strumenti finanziari e valute. Questi titoli possono riguardare le azioni di grandi società, le obbligazioni, le valute, le materie prime, ma anche i prodotti derivati, come futures, Eft, CFD e opzioni. Con la trasformazione digitale dell’economia e della società, la Borsa è diventata un mercato telematico e le negoziazioni sono migrate ad un sistema di reti informatiche interconnesse.

Giocare in Borsa significa trasferire il denaro dei risparmiatori verso gli emittenti dei titoli finanziari, che ottengono così il denaro necessario alla realizzazione di investimenti. Sui mercati si acquista se si mira ad un rialzo e si vende se si prevede un ribasso. L’acquisto di titoli azionari garantisce anche la partecipazione alla distribuzione dei dividendi. Esiste inoltre una pratica, detta vendita allo scoperto, che consiste nello scommettere contro l’andamento di un titolo, cioè sul suo ribasso nei giorni a venire.

Uno degli aspetti più importanti da considerare quando si decide di giocare in Borsa è la durata dell’investimento. Sul breve e medio periodo, l’investimento in azioni non dovrebbe essere preso in considerazione. Man mano che si allunga l’orizzonte temporale si possono affrontare rischi rilevanti e con maggiori potenzialità di rendimento.

Come investire in Borsa

Come investire in Borsa

Chi vuole investire in Borsa deve essere un intermediario o agire tramite intermediari. Il luogo predisposto all’acquisto di titoli è la banca, che, attraverso un consulente finanziario, propone al cliente diverse soluzioni e acquista o vende le azioni a suo nome. Oggi però è disponibile un’altra modalità di accesso ai mercati finanziari: si tratta del trading online, che permette di negoziare prodotti finanziari direttamente dal pc attraverso apposite piattaforme di investimento. Attualmente nel nostro Paese la compravendita di titoli online rappresenta una buona fetta del controvalore scambiato su azioni italiane e estere. Inoltre negli ultimi anni la speculazione si è spostata sui mercati OTC (Over the Counter), piazze di scambio esterne alla regolamentazione.

Il trading online è un’attività seria, per quanto non esente da rischi. Per distinguere i broker seri da quelli abusivi basta controllare sul sito della Consob che abbiano ricevuto il via libera dall’Autorità. Oltre a scegliere un operatore onesto, gli investitori devono tenere nella giusta considerazione il proprio profilo di rischio e le proprie conoscenze rispetto ai vari prodotti finanziari scambiati su queste piattaforme. Lo studio e la formazione sono presupposti imprescindibili per investire in Borsa e ottenere risultati interessanti. Vale anche la pena ricordare che, per sua natura, la Borsa è imprevedibile e richiede la capacità di adeguarsi in fretta all’andamento dei prezzi.

Pur non essendo un mondo dorato di facili guadagni, il mercato della Borsa offre infinite possibilità per far fruttare i propri risparmi, ma è un’attività alla quale occorre avvicinarsi con cautela.

Migliori Azioni di titoli stranieri

Migliori Azioni di titoli stranieri

Wall Street regina incontrastata delle Borse

L’investimento azionario è senza dubbio quello che regala più soddisfazioni in termini di crescita del capitale, ma al tempo stesso è altamente rischioso e non sono stati rari i casi in cui anziché guadagnare si sia perso gran parte del patrimonio investito.

Questo perché i mercati non sono terreno facile all’interno del quale muoversi, perché spesso guidati dall’irrazionalità e dalla paura, emozioni nemiche del settore, si investe quando in realtà è il momento di uscire e si disinveste quando sarebbe più saggio acquistare.

Statistiche alla mano si scopre inoltre che non tutti i mercati azionari viaggiano alla stessa velocità. A partire dal 2000 e in questi ultimi 20 anni, la performance migliore è appannaggio di Wall Street con l’S&P 500 che ha fatto registrare nel periodo un +60% (valore che resta invariato o addirittura migliora se si prendono in considerazione gli ultimi 10 o 5 anni), al contrario l’Europa, con lo Stoxx Europe 600, è rimasta ferma negli ultimi 20 e 10 anni, mentre si attesta nel quinquennio a +43%. È addirittura in rosso il segno dell’Italia, dal 2000 perde più del 50%, dato confermato negli ultimi 10 anni, il segno più a Piazza Affari lo si ritrova soltanto negli ultimi 5 anni con un saldo positivo del 24%.

Non è quindi soltanto importante avere un metodo e applicarlo in modo costante senza farsi condizionare dalle emozioni, ma anche scegliere il periodo storico propizio e il mercato che offre più opportunità.

I colossi americani

Il miglior titolo in assoluto negli ultimi 10 anni negli Stati Uniti è stato Netflix con una rivalutazione del 4.252%, seguito a distanza da Priceline (+3.314%) e una vecchia conoscenza del web come Amazon (+2.073%). Rivalutazioni da capogiro difficilmente replicabili in futuro, ma in ogni caso fatte registrare da società con solide fondamenta che potrebbero comunque rappresentare delle ottime soluzioni di investimento.

Partendo proprio da quest’ultimo marchio, il più famoso e grande e-commerce al mondo, il 2019 è visto dagli analisti come un anno positivo con ancora ampi margini di crescita dopo questa fase di lateralità cominciata da gennaio.

Diverso è il discorso per AT&T, la società di telecomunicazioni a stelle e strisce, che nel corso dell’ultimo anno ha realizzato acquisti importanti come la CNN, la HBO, famosa per la produzione di serie tv, e la Warner Bros. Acquisizioni che potrebbero presto trasformarsi in importanti ricavi che le permetterebbero di uscire dalla zona di stagnazione nella quale ha gravitato negli ultimi 12 mesi.

Facebook, Paypal, la già citata Netflix, Mastercard sono gli altri colossi americani, dai fatturati importanti e la crescita assicurata. Una scommessa per il futuro può invece essere visto l’investimento in Aurora Cannabis, azienda che produce cannabis a fini terapeutici. È il secondo operatore al mondo in questo mercato, quotata in borsa soltanto nel 2018, ha grandi prospettive di crescita, ma è al tempo stesso visto come un titolo altamente volatile e perciò a rischio di subire forti oscillazioni sia positive che negative.

Le opportunità del Vecchio Continente

Anche l’Europa, dal canto suo, negli ultimi 10 anni ha fatto registrare performance da far rimanere a bocca aperta. Dialog semiconductor è salita del 3.754% e Booker Group, azienda specializzata nel commercio elettronico di generi alimentari, del 2.396%.

Magari non sarà necessario raggiungere e dover aspettare tali prestigiosi traguardi, ma è importante saper scegliere le società in grado di poterli tagliare. Società solide, dai fatturati importanti e costanti nel tempo, che sappiano rinnovarsi e investire gli utili nell’azienda stessa.

Post successivo

Consigli per investire in borsa